geoaucone

Monitoraggi


 

Scopo dei monitoraggi é controllare nel tempo l`evoluzione di una determinata grandezza e/o di un determinato fenomeno.

Nel caso dei monitoraggi di tipo statico si controlla una grandezza che varia nel tempo con gradienti molto bassi: ad esempio il cedimento fondazionale di un edificio, la rotazione di un manufatto quali edifici, paratie, ecc, lo spostamento nelle tre direzioni spaziali di elementi costruttivi.

Nei monitoraggi dinamici si controllano grandezze che variano nel tempo molto velocemente, come nel caso delle vibrazioni di cui si può monitorare l`accelerazione, la velocità  e lo spostamento.

Monitoraggio dei cedimenti verticali

E` un controllo nel tempo dell`andamento dei cedimenti fondazionali di un determinato edificio. Si effettua servendosi di un autolivello laser di alta precisione e stadia invar a codice a barre. Le letture vengono effettuate a cadenza regolare la cui frequenza é funzione della gravità  del fenomeno e della velocità  evolutiva dello stesso.

Monitoraggio della verticalità

Serve a controllare nel tempo l`inclinazione di un edificio (o di una paratia). Si effettua per mezzo di un teodolite oppure di inclinometri da parete fissi o amovibili.

Monitoraggio tridimensionale

Serve a controllare lo spostamento nelle tre dimensioni spaziali di determinati punti di un edificio (o di un qualsiasi elemento costruttivo). In tal modo é possibile ricostruire gli eventuali spostamenti di un edificio nel tempo servendosi di una stazione totale.

Monitoraggio delle vibrazioni

Il problema delle vibrazioni causate da fonti artificiali é sempre più sentito, specialmente in grandi città  come Roma, Milano, Napoli, ecc.

La causa principale delle vibrazioni é dovuta al traffico veicolare su gomma (automobili, camion, autobus) e rotaia (tram, metro, treni) e secondariamente a fonti di altra natura (cantieri, macchinari, impianti di condizionamento, ascensori, ecc).

Vibrazioni di determinate ampiezze e frequenze possono provocare danni alle costruzioni e portare notevole disturbo alla popolazione. In letteratura esistono varie normative che ne fissano i limiti di sopportabilità, sia dal punto di vista delle costruzioni che delle persone.